È ora di cambiare il quartiere Settelacquare

È ora di cambiare il quartiere Settelacquare

In venti anni di governo in questo quartiere sono stati commessi molti errori. L’espansione è avvenuta senza un’adeguata rete di strade e parcheggi e questa mancanza ha isolato il quartiere dalla città. Se ci prendessimo maggiore cura dello spazio pubblico, Settelacquare potrebbe diventare un esempio moderno ed efficiente di quartiere a misura di cittadino. È ora di farlo.

RIQUALIFICARE GLI SPAZI PUBBLICI

A Settelacquare bisogna migliorare gli spazi pubblici, utilizzandoli per rendere più vivibile e piacevole abitare qui. Oggi i complessi Agave, Querce e Cicolella sono slegati dal quartiere e presentano grossi problemi di sicurezza. La prossima amministrazione deve invece riempire i vuoti per mettere in comunicazione con la città e il resto del quartiere ciò che oggi è isolato: aree a verde attrezzato, punti sport e percorsi ciclo-pedonali, accanto a strade alberate e migliorate nella loro sicurezza.

UN UNICO MERCATO IN UN GIARDINO

Il mercato dei 48 box e quello Multietnico sono il fallimento del centrodestra: sono stati incapaci di valorizzare il piccolo commercio e noi demoliremo quelle inutili costruzioni. Il nostro progetto prevede di riqualificare tutta l’area partendo dall’ammodernamento del mercato coperto. In continuità con il mercato abbiamo intenzione di realizzare un’area verde nella quale saranno inseriti nuovi spazi di vendita progettati in maniera decorosa con accanto un’area alberata. La colata di asfalto che oggi rende così grigia quell’area sarà sostituita da uno spazio verde attraversabile in bicicletta, servito dal trasporto pubblico e con adeguati spazi per il parcheggio. Da un’area degradata trasformeremo il mercatino in un’attrazione cittadina efficiente e bella.

TRASPORTO PUBBLICO E VIABILITÀ

Sulla costa leccese intendiamo recuperare il valore culturale e turistico delle Torri costiere e del Parco di Rauccio e, in collaborazione con le realtà associative e le pro loco, promuovere tutto l’anno iniziative culturali e di socializzazione basate sulla promozione dei prodotti tipici e del paesaggio, e spettacoli e cinema all’aperto nella bella stagione. Intendiamo poi valorizzare il potenziale che la costa esprime dal punto di vista della promozione degli sport. Già oggi la corsa e il ciclismo sono di casa sulla costa leccese: va migliorata la sicurezza dei ciclisti e dei podisti, in modo che possano frequentarle tutto l’anno senza pericoli. Vogliamo incentivare le realtà che si occupano di sport acquatici (surf, windsurf, vela, kite) ad avviare attività nelle nostre marine, per mettere a valore la risorsa del vento e fare in modo che per tutto l’anno da San Cataldo a Torre Rinalda la costa sia frequentata dagli sportivi.