È ora di cambiare il quartiere Stadio

È ora di cambiare il quartiere Stadio

In venti anni di governo i problemi del quartiere Stadio sono rimasti irrisolti, i progetti realizzati non hanno garantito un miglioramento della qualità della vita dei residenti, il sistema degli spazi pubblici che circonda i condomini resta in una situazione di degrado, la viabilità è spesso elemento di separazione, il trasporto pubblico è carente, mancano negozi e servizi di vicinato. È ora di cambiare.

RIQUALIFICARE GLI SPAZI PUBBLICI

Il quartiere Stadio è dotato di grandi spazi aperti, un’opportunità fino ad oggi sprecata: dobbiamo farla diventare una risorsa. Vogliamo riqualificare i piani terreni degli edifici, gli accessi ai condomini, i portici e i garage, favorendo le relazioni tra gli ingressi alle abitazioni e gli spazi aperti, costruire piccole attrezzature sportive per: pallacanestro, pallavolo, pattinaggio, skate, calcetto, per una cittadella dello sport diffusa nel quartiere. Migliorare la pavimentazione e ampliare le aiuole, piantando più alberi. La nostra amministrazione includerà le scuole, le parrocchie, le associazioni e i condomini, nella gestione e manutenzione degli spazi. Piazza Palio, Trax Road, e le piazze del quartiere devono diventare luoghi accoglienti dove realizzare manifestazioni culturali e sportive.
La Trax Road ha fallito il compito di ricucire le 167, vogliamo realizzare un ponte pedonale e ciclabile, per traguardare viale della Libertà e favorire gli spostamenti dei residenti.

POTENZIARE IL TRASPORTO PUBBLICO

Il quartiere ha bisogno di più autobus e linee di trasporto pubblico a seconda dei bisogni dei residenti in ogni momento della giornata: la mattina, il pomeriggio e la sera, devono passare autobus puntuali verso il centro, il mare, l’ospedale, i tribunali, le scuole e l’Università.

RIQUALIFICARE GLI EDIFICI E PROMUOVERE SERVIZI DI VICINATO

Le case popolari vanno riqualificate con progetti di manutenzione costante. Gli alloggi popolari devono essere assegnati a chi ne ha diritto con trasparenza. L’amministrazione deve favorire canoni di affitto controllati. Dobbiamo favorire la nascita di piccole attività commerciali per rivitalizzare il quartiere, garantire ai residenti di poter fare acquisti e progettare nuovi spazi di aggregazione e socializzazione. Vogliamo ripensare radicalmente il mercato bisettimanale di via Bari, la soluzione adottata dall’Amministrazione è problematica per i residenti e i commercianti.