[vc_row css=”.vc_custom_1554217273911{margin-top: 25px !important;margin-bottom: 25px !important;}”][vc_column][vc_custom_heading text=”Ambiente e Salute Pubblica” font_container=”tag:h2|font_size:3em|text_align:left|color:%23006469|line_height:1.1″ use_theme_fonts=”yes”][vc_separator color=”custom” align=”align_left” border_width=”10″ el_width=”30″ accent_color=”#006469″][/vc_column][/vc_row][vc_row css=”.vc_custom_1554211673149{margin-bottom: 25px !important;}”][vc_column][vc_column_text]La qualità della vita degli abitanti di una città si misura e si misurerà sempre più in futuro dalla capacità di combattere l’inquinamento, lo spreco di risorse ambientali e rendere sostenibili gli stili di vita. Dobbiamo garantire protezione e capacità di rigenerazione alle risorse ambientali, promuovere politiche per migliorare la salubrità e la qualità dell’ambiente urbano, degli spazi pubblici, delle infrastrutture viarie e dei parchi, assegnando al verde pubblico la funzione di servizio ecosistemico e non di semplice ornamento. Serve migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, il ciclo dei rifiuti, la valorizzazione sostenibile dell’agricoltura e dell’immenso patrimonio di aree naturali della città (con il parco naturale regionale di Rauccio Lecce ospita ben 6 Zone Speciali di Conservazione che appartengono alla Rete Europea Natura 2000). Una città sostenibile è una città che guarda al futuro.[/vc_column_text][vc_column_text]PAROLE CHIAVE: Verde urbano, ecologia, innovazione, cicli, efficienza, risorse, legalità, futuro, sostenibilità, benessere, agricoltura, cambiamento climatico, erosione.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row css=”.vc_custom_1554211680048{margin-bottom: 25px !important;}”][vc_column][vc_custom_heading text=”Nei 18 mesi di governo abbiamo iniziato a:” font_container=”tag:h3|text_align:left” use_theme_fonts=”yes”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_custom_heading text=”RISOLVERE EMERGENZE AMBIENTALI GRAVISSIME DOPO DECENNI DI INERZIA:” font_container=”tag:h4|text_align:left|color:%23006469″ use_theme_fonts=”yes”][vc_column_text]

  • Ottenuti 442mila euro dalla Regione Puglia per la caratterizzazione dell’area dell’ex inceneritore Ex Saspi sulla via Vecchia Lizzanello. Una immensa area inquinata per la quale finalmente si avvia il percorso di bonifica.
  • Avviata la messa in sicurezza del sito ex Aspica e lo smaltimento di 80 tonnellate di rifiuti plastici abbandonati all’interno. I lavori saranno eseguiti in danno del liquidatore della società Aspica recycling.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_custom_heading text=”MIGLIORARE IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA E CONTRASTARE L’ABBANDONO INDISCRIMINATO DI RIFIUTI:” font_container=”tag:h4|text_align:left|color:%23006469″ use_theme_fonts=”yes”][vc_column_text]

  • A partire da febbraio 2018 è stato avviato – per la prima volta – anche nelle marine, il servizio di raccolta differenziata di prossimità: i cittadini residenti nelle marine, nelle case sparse e nei villaggi situati tra la costa e il centro urbano, potranno usufruire di 158 punti di raccolta dotati di contenitori della capienza di 1100 litri nei quali potranno essere conferiti carta, plastica, secco residuo e frazione organica e di un contenitore da 350 litri per la raccolta del vetro. I punti di raccolta differenziata sono stati aumentati nel periodo estivo per adeguare il servizio all’aumento della popolazione;
  • Lecce per la prima volta ha raggiunto nel 2018 la percentuale del 65% di raccolta differenziata, obiettivo previsto dal decreto legislativo 52/06 già per l’anno 2012 e mai raggiunto prima del 2018. I dati sono certificati dal portale ambientale della Regione Puglia. Un buon risultato che premia l’impegno congiunto di Amministrazione, imprese,  cittadini, e della ditta Monteco.
  • Numerose strade extraurbane sono state bersaglio di interventi periodici e straordinari di pulizia e rimozione di tonnellate di rifiuti abbandonati in modo indiscriminato nella campagne leccesi. I comportamenti incivili di cittadini e imprese che smaltiscono i rifiuti prodotti in casa o nell’ambito delle proprie attività economiche, noncuranti del bene comune, generano notevoli impatti ambientali, sociali ed economici che occorre contrastare.
  • Il Comune di Lecce ha attivato numerose foto trappole mobili che stanno garantendo il recupero di risorse importanti per migliorare il servizio pubblico. Gli incivili che abbandonano i rifiuti in campagna hanno cominciato ad essere sanzionati e recuperati al corretto conferimento dei rifiuti domestici. Parallelamente è stata avviata dall’Ufficio Tributi la verifica delle banche dati per combattere, quartiere dopo quartiere, l’evasione della Tari.
  • Tutti i quartieri con le loro strade, piazze e aree verdi, ogni sabato mattina, sono stati interessati dal progetto Quartieri Puliti, curiamo insieme la Città: un programma di pulizia collettiva che ha visto il coinvolgimento diretto degli amministratori, sindaco in primis, tanti volontari, Monteco, Lupiae Servizi e ditte di giardinaggio per la cura del proprio quartiere;

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_custom_heading text=”POTENZIARE I PARCHI URBANI:” font_container=”tag:h4|text_align:left|color:%23006469″ use_theme_fonts=”yes”][vc_column_text]

  • Lecce avrà un grande parco urbano in più, esteso per ben 11 ettari, grazie alla consegna all’amministrazione dell’area addestrativa “Santa Rosa” adiacente il Campo Montefusco, (Campo Coni), separata fin dal primo ‘900 per l’utilizzo da parte della Scuola di Cavalleria. L’area sarà riqualificata attraverso il coinvolgimento dei cittadini in un percorso di partecipazione.
  • Nel quartiere Leuca partirà il cantiere per la restituzione alla comunità di un grande un polmone verde, grazie al recupero del giardino dell’Ex Galateo, un nuovo progetto più permeabile al quartiere, salvaguarderà la memoria del giardino storico.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_custom_heading text=”INVESTIRE PER MIGLIORARE IL VERDE IN CITTÀ:” font_container=”tag:h4|text_align:left|color:%23006469″ use_theme_fonts=”yes”][vc_column_text]

  • Per la prima volta l’amministrazione comunale ha condiviso un protocollo d’intesa con l’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Lecce (ODAF Lecce), l’Arif, (Agenzia Regionale Attività Irrigue e Forestali) e la Fondazione per la gestione dell’Orto Botanico del Salento, per condividere l’attività di pianificazione, gestione, promozione e valorizzazione del verde urbano, periurbano e delle aree protette della città e migliorare la manutenzione e la piantumazione del verde. Il primo passo è stato censire il patrimonio pubblico verde indispensabile per redigere un Piano del Verde coinvolgendo la cittadinanza;
  • centinaia di nuove alberature sono state piantate in città grazie all’accordo con Arif e alla donazione di tante associazioni: viali, scuole, parchi (alcuni esempi sono via Gino Rizzo, spazi antistanti Palazzetto dello Sport, Parco Baden Powell, Piazza Mazzini);

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_custom_heading text=”PROMUOVERE IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI IMMOBILI PUBBLICI E PRIVATI:” font_container=”tag:h4|text_align:left|color:%23006469″ use_theme_fonts=”yes”][vc_column_text]

  • L’amministrazione ha partecipato ai bandi regionali che finanzieranno i progetti di recupero ed efficientamento energetico degli edifici comunali e delle scuole primarie e dell’infanzia della città di Lecce.
  • Dopo la prima applicazione nel 2014 della legge regionale 13 del 2008, “Norme per l’abitare sostenibile”, nel 2018 si è aggiornata l’applicazione degli incentivi per l’attuazione del Protocollo Itaca  e promuovere l’architettura sostenibile in città. Il provvedimento ha puntato a mantenere la premialità massima per i bonus volumetrici, a tutti gli edifici che raggiungano i livelli di sostenibilità 3, 4 e 5.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_custom_heading text=”APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE NOSTRE RISORSE AMBIENTALI PER TUTELARLE DAL LORO IMPOVERIMENTO E GARANTIRE LA SICUREZZA DEL TERRITORIO:” font_container=”tag:h4|text_align:left|color:%23006469″ use_theme_fonts=”yes”][vc_column_text]

  • Con l’aggiornamento del Piano Comunale delle Coste la città si è dotata per la prima volta di due accurati studi specialistici con rilevamenti cartografici e fotografici nelle nostre marine; uno sui cordoni dunari, la loro estensione e vulnerabilità, l’altro sulle risorse botanico vegetazionali. Un passo in avanti importante per individuare strategie di mitigazione dell’erosione costiera, per mettere a valore la valenza paesaggistica della nostra costa e garantirne uno sviluppo turistico sostenibile.
  • Grazie all’avanzamento degli studi geologici in relazione al Piano Urbanistico Generale, l’amministrazione ha preso atto nel 2018 della nuova Carta Idrogeomorfologica redatta dall’Autorità di Bacino che aggiorna il quadro delle conoscenze del territorio comunale e dota la città di uno studio contemporaneo importante, sfondo imprescindibile delle trasformazioni future.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]