Mobilità Sostenibile

Assicurare libertà di movimento a tutti, migliorare la qualità della vita riducendo l’uso dell’automobile e garantire la sicurezza di strade, marciapiedi, parcheggi, percorsi, piazze, beni monumentali, spiagge.

Partiamo da forti criticità: nonostante Lecce sia il centro di un’area vasta da 200mila abitanti non si è mai lavorato ad un sistema della mobilità integrata urbana e sub urbana; negli anni non si sono creati adeguati parcheggi agli ingressi alla città e a servizio delle principali attrezzature e del centro storico; le piste ciclabili non sono sufficienti e non seguono una logica di sistema; molte strade non hanno marciapiedi adeguati; il trasporto pubblico, linee e fermate, soffre di conflitti tra i diversi flussi ed errori di progettazione; il filobus, costato 23 milioni di euro, ha avuto un impatto negativo sulla città senza migliorare nel complesso l’offerta di trasporto pubblico;

In 18 mesi la mobilità urbana è stata elevata a tema chiave per il miglioramento della qualità della vita dei leccesi. Siamo partiti dalla pianificazione: il PUMS, Piano urbano della mobilità sostenibile, e la rilevazione dei flussi automobilistici in città. Inoltre sono state compiute piccole mosse per migliorare nel breve periodo la qualità degli spostamenti e dello spazio pubblico.

PAROLE CHIAVE: trasporto pubblico, accessibilità, reti integrate, mobilità dolce, benessere, area vasta, segnaletica e comunicazione.

Nei 18 mesi di governo abbiamo iniziato a:

Aumentare la disponibilità dei parcheggi e servizi navetta, preservando le aree storiche:

  • 700 posti auto gratuiti sono stati recuperati in aree strategiche e centrali per essere usati nel corso delle giornate di maggiore traffico: è bastato stringere un accordo per il loro utilizzo con Università, Camera di Commercio e Asl;
  • durante le festività natalizie e di S.Oronzo ai cittadini sono stati offerti 1400 posti auto gratuiti in nove aree a parcheggio servite da navette: nei tre giorni della festa dei Santi Patroni, oltre 31mila persone hanno utilizzato il servizio navetta, raggiungendo il centro con il mezzo pubblico;
  • per cominciare a liberare la città storica dalle auto, ai residenti della ztl è stato assegnato un permesso di sosta gratuita nelle aree contigue al centro storico. Grazie a questa semplice innovazione, ci sono meno automobili parcheggiate nelle preziose piazzette storiche;
  • per  il concerto dei Negramaro che ha ospitato 30mila spettatori allo Stadio, l’amministrazione ha affidato ad una società specializzata un servizio di prenotazione di parcheggio e navetta, migliaia di utenti ne hanno fatto uso, l’accesso al concerto è stato ordinato ed efficiente, senza criticità;
  • a dicembre 2018 è avvenuta la sottoscrizione del preliminare per l’acquisto del parcheggio Ex Enel. 700 posti auto al 100% a “rotazione”; un accordo che l’amministrazione ha fortemente accompagnato per l’interesse pubblico che riveste l’accordo tra i soggetti privati coinvolti;
  • Per contrastare la sosta selvaggia che durante l’estate aggredisce le dune costiere, per la prima volta, è stato redatto un bando rivolto ai privati per la creazione di parcheggi temporanei in prossimità delle principali spiagge delle nostre marine. Una misura necessaria a compensare 20 anni di assenza di programmazione che non ha salvaguardato aree pubbliche indispensabili alla creazione di servizi a supporto della balneazione.

Investire sulla mobilità ciclabile e pedonale:

  • Lecce ha ottenuto i finanziamenti per 8 km di nuove piste ciclabili, che collegheranno tra loro stazione, viale degli studenti, Belloluogo, Ospedale, Parco archeologico Rudiae, e per la realizzazione di una velostazione; 
  • con l’attivazione del servizio di bike sharing free floating “OBike” 2.400 utenti hanno utilizzato la bicicletta per spostarsi, (16.000 corse e 540 bici), dimostrando un ampio gradimento. Il servizio è stato utilizzato anche nei parcheggi di interscambio;
  • strade, piazzette e spazi pubblici della città storica non sono più parcheggi, ma spazi pubblici decorosi dove è più sicura e piacevole la fruibilità pedonale: Piazza Libertini, Piazzetta Castromediano, Piazzetta Riccardi, Piazzetta Fanfulla, Via di Biccari, Via Alvino, Via Mocenico, Via Niche Rubichi, Piazza Italia;
  • 500mila euro sono stati stanziati per adeguare 280 incroci della città, garantendo sicurezza agli attraversamenti pedonali e ai soggetti deboli. I lavori sono in via di assegnazione;
  • con il bando per individuare il garante delle persone con disabilità, l’istituzione dell’ufficio comunale PEBA e la  nomina del disability manager, si è avviata una politica di contrasto alle barriere architettoniche dovrà definirsi con l’istituzione di laboratori comunali per l’accessibilità;

Rilanciare il servizio di trasporto pubblico esistente e tutelare i soggetti più fragili:

  • nel Piano di Trasporti di Bacino – approvato dalla Provincia – è stata accolta la richiesta di finanziamento di circa 1 milione di km aggiuntivi per il  trasporto pubblico urbano a Lecce, indispensabile per migliorare la frequenza dei bus;
  • finanziato l’abbonamento gratuito ai mezzi pubblici per le persone con disabilità;
  • ridotti i prezzi degli abbonamenti per gli studenti universitari, 10 – 12 euro al posto di 15 – 19;

Rilanciare il servizio di trasporto pubblico esistente e tutelare i soggetti più fragili:

  • nel Piano di Trasporti di Bacino – approvato dalla Provincia – è stata accolta la richiesta di finanziamento di circa 1 milione di km aggiuntivi per il  trasporto pubblico urbano a Lecce, indispensabile per migliorare la frequenza dei bus;
  • finanziato l’abbonamento gratuito ai mezzi pubblici per le persone con disabilità;
  • ridotti i prezzi degli abbonamenti per gli studenti universitari, 10 – 12 euro al posto di 15 – 19;

Pianificare la mobilità in città e nell'hinterland:

  • con gli 11 sindaci dei comuni contermini l’amministrazione ha sottoscritto il Protocollo d’intesa per una comune strategia per la mobilità urbana sostenibile dell’area urbana estesa della città di Lecce e per l’istituzione del servizio di trasporto sub-urbano;
  • avviata la redazione del nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, l’aggiornamento del Piano Generale Traffico Urbano (fermo dal 2002), la revisione del sistema di trasporto pubblico urbano (con nuove linee e frequenze), la riorganizzazione della zona a traffico limitato e della sosta a pagamento.