La Bandiera Blu per Lecce: “Con Piano coste e rigenerazione delle marine è un obiettivo del prossimo mandato”

Tre Comuni del Salento si vedono riconosciuta la Bandiera Blu, che certifica, insieme alla purezza cristallina delle loro acque, l’alto livello di tutela ambientale della costa e di sostenibilità delle attività che su di essa si svolgono. Un riconoscimento che non è solo un omaggio alla bellezza dei litorali, ma la testimonianza dell’impegno concreto profuso dalle comunità per tutelarli, renderli accessibili e, sostenibile, protetti.

Nel complimentarci con i Comuni di Otranto, Castro e Salve, noi leccesi non possiamo far altro che porci l’obiettivo di essere al loro fianco, candidandoci ad ottenere, entro il prossimo mandato amministrativo, la Bandiera Blu per le nostre marine. Un traguardo non semplice che è tuttavia pienamente alla nostra portata: dobbiamo tutelare e valorizzare il patrimonio ambientale rappresentato dalle dune, dai Sic di Rauccio, Acquatina e Cesine, dal bacino dal bacino dell”Idume , dalla riserva biogenetica di San Cataldo; garantire l’accessibilità delle spiagge, mettere in atto politiche per la mobilità sostenibile; migliorare ancor di più i servizi di raccolta differenziata dei rifiuti; contrastare l’abusivismo edilizio.

Con il Piano delle Coste, i progetti di riqualificazione già finanziati e i nuovi che proporremo sulla scorta della strategia “Lecce è il suo mare”, abbiamo indicato la strada che vogliamo percorrere: ora dobbiamo darci la forza per procedere senza tentennamenti verso la definitiva riqualificazione delle marine. La nostra ambizione è quindi una sfida collettiva: portare Lecce ad essere riconosciuta tra le Bandiere Blu che impreziosiscono la costa salentina. fare riconoscere la città – oltre che per la ricchezza del suo patrimonio storico artistico – anche per la bellezza della suo paesaggio costiero. Servirà pazienza, determinazione, impegno e il tempo necessario.
Ma il percorso è tracciato e siamo pronti a portarlo a termine insieme a quanti amano come noi San Cataldo, Frigole, Torre Chianca, Spiaggiabella e Torre Rinalda.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Notizie Correlate